libertà, life, love, mind training, yoga

Ascoltare i segnali e… fermarsi

Pensiamo, a volte, che la vita sia lineare. Ma lineare nel modo in cui pensiamo noi: faccio questo, poi succede quest’altro, che mi porterà lì… e ci facciamo tutti i nostri schemini.

Capita, però, di iniziare pian piano a cogliere dei segnali di dissonanza: cose che continuano a capitare e non avrebbero dovuto, difficoltà che si susseguono, esperienze anche belle, ma che non collimano con quel che si sta vivendo.
Se stiamo in ascolto li cogliamo abbastanza in fretta, altrimenti la vita alza il tiro, è giurato: perchè quando non vuoi vedere qualcosa lei cerca in tutti i modi di rendertelo palese, con le buone e con le cattive, con le belle e con le brutte.

A questo punto l’unica cosa saggia da fare è fermarsi, uscire un momento fuori dal film, sedersi su una panchina fuori dal cinema e osservare.
Dedicarsi spazio, ascolto, tempo, cura, e rimanere in ascolto.
Perchè poi noi le sappiamo le cose, nel profondo di noi, ma non sempre è semplice divenirne consapevoli: c’è bisogno di fare del lavoro per farle emergere.

In questi ultimi mesi di segnali ne ho ricevuti tanti e alla fine mi sono fermata: qualcosa è da sistemare, ci sono nuove decisioni da prendere, una vita da organizzare diversamente, mettere a fuoco priorità differenti, focalizzarsi meglio e sulle cose giuste per me.

Ho passato il capodanno da sola, e così sono rimasta per i 5 giorni successivi, dedicandomi finalmente solo a me stessa, dandomi il tempo della calma, dell’ascolto di ogni tipo di emozione, dell’osservazione della consonanza con l’ambiente, finalmente respirando e dando ascolto solo a me.

Non mi sento del tutto pronta per rientrare nella mia vita: vorrei indugiare su questa spiaggia ancora un po’, ma il mio impegno e sforzo sarà di portarmela dentro, questa spiaggia, questa consapevolezza, per continuare ad essere sempre presente a me stessa, ad essere centrata in ogni momento, in ogni relazione.

 

WhatsApp Image 2018-01-05 at 16.59.15

 

gocce di pace, mind training

Gocce di Pace: tutto il meglio

C’è un bellissimo trucchetto mentale che ci consente di mantenere un focus decisamente migliore nelle relazioni, e in generale durante la giornata, e consiste in questo piccolo esercizio: per tutta la giornata, quando incontriamo qualcuno, auguriamogli dentro di noi “tutto il meglio“.

 Concentriamoci per auguraglielo col cuore, anche se magari è una persona con cui normalmente non abbiamo tanto feeling: fermiamoci, salutiamolo con un sorriso, mentre dentro di noi gli auguriamo “tutto il meglio” e vediamo cosa accade dentro di noi.
Noterete come la vostra inclinazione mentale cambierà in maniera decisamente più positiva e, intanto, la vostra energia crescerà, insieme al vostro sorriso.
Un piccolo gesto interiore dai molteplici effetti!
dahlia-1627145_640
gocce di pace

Gocce di Pace: cosa possiamo fare per il mondo (e per noi)?

Come scrivevo in questo post, stiamo vivendo una condizione mondiale che a volte sembra essere davvero al limite: fatti cruenti e terribili paiono accadere tutti i giorni (o, almeno, sappiamo di essi con maggiore frequenza) e davvero il sentimento di frustrazione e impotenza raggiunge livelli impressionanti.

Il nostro cuore piange insieme al mondo per quello che accade: vorremmo poter fare qualcosa di fronte a tutto questo, vorremmo poter alleggerire almeno un poco questo scenario, vorremmo potere portare un po’ di pace, di serenità, di amore.

E invece ci sentiamo bloccati, impotenti, piccoli e inutili come non mai: cosa possiamo fare noi??

Questo è un tema che mi tocca nel profondo, che mi accompagna sin dalla più tenera adolescenza: per anni ho tentato di capire quale fosse la dimensione giusta per me per apportare un cambiamento positivo nel mondo.

Ho avuto un primo periodo “predicatore”, in cui mi lanciavo in sermoni collettivi: non vi sto a dire quanto risultassi simpatica a tutti, con davvero un pessimo ritorno sulle mie relazioni!
Poi ho tentato la via politico/partitica, rimanendo delusa e amareggiata per la distanza sperimentata tra la realtà che vivevo e quello che – a parer mio – avrebbe dovuto essere.
Rassegnata, mi sono chiusa nel mio bozzolo tentando l’isolamento da un mondo che non sentivo in linea con me, con i miei valori e con cui mi sembrava impossibile comunicare.

Alla fine ho iniziato a lavorare su di me, sul mio modo di relazionarmi, di comunicare, di stare al mondo, e ho notato come questo  abbia iniziato piano piano a dare qualche piccolo frutto anche vicino a me, non solo al mio interno.

Ecco che avevo trovato la via, finalmente!

Dopo aver visto fallire tutto quel che avevo provato, ho potuto constatare come il gandhiano “essere il cambiamento che si vuole nel mondo” sia qualcosa di così rivoluzionario e profondo, inarrestabile e forte. E impattante. Perchè nel momento in cui si è luce, anche chi sta intorno a noi viene contagiato, diventando luce a sua volta e espandendo di contagio in contagio la sfera d’influenza luminosa in un magnifico effetto farfalla*.

Quindi ho deciso di far partire una rubrica del blog dedicata proprio a quelle abitudini, quei cambiamenti, quei cambi di paradigma, che più sono in grado di attuare una piccola influenza positiva sul mondo: diventiamo piccole gocce di luce e di pace, scaviamo piano piano la durezza di questo mondo, creando tanti cunicoli di luce, per farlo poi esplodere in una splendida palla luminosa!

Ci state a fare questo percorso insieme? Allora rimanete sintonizzati!

Tanti abbracci felici

Silvia

 

flowers-164754_640

 

*Si parla di “effetto farfalla”  quando si fa riferimento alla teoria in base alla quale un piccolo cambiamento crea una serie di influenze a catena che generano cambiamenti sempre più grossi, arrivando a toccare sfere di influenza anche molto lontane  da quella iniziale (il movimento richiama un po’ quello dei cerchi nell’acqua).

 

coaching

Guerra e pace

In questi giorni di notizie terribili, è ancora più importante mantenere un focus positivo, dare rilievo a quello che di bello c’è, e farlo ingrandire, diventare enorme, GIGANTESCO!

Manteniamo la pace nel nostro cuore, riempiamoci di cose belle: l’unica vera arma contro la violenza è la felicità!
Spargiamo felicità intorno a noi, spargiamo bellezza, diventiamo ambasciatori di belle cose!
Piantiamo alberi, godiamoci il sole, stiamo insieme ai nostri bambini, gustiamoci bei momenti per noi: prendiamo belle abitudini che ci riempiano di gioia e di amore.
Possiamo fare poco per decisioni che vengono prese troppo lontano da noi, ma possiamo fare tanto per diffondere il bene a macchia d’olio!
E’ responsabilità di ognuno di noi!!!
Keep strong ❤
ciliegio