challenge, coaching, mind training, pnl

La potenza della visualizzazione

Un paio di giorni fa mi ha contattata una persona che ha frequentato lo scorso Challenge Nuove Abitudini, e mi ha raccontato come quest’estate abbia realizzato esattamente quello che aveva visualizzato durante il percorso del Challenge.

In questo periodo, poi, ho davvero toccato con mano la potenza di questo strumento: tenendo davanti ai miei occhi la mappa dei miei bisogni ho potuto prendere una decisione grande e difficile, ritrovandomi, dopo pochissimo tempo, in una situazione che inaspettatamente esprime in maniera completa proprio ciò che è nella mia mappa.

La visualizzazione consente al nostro cervello di darci la motivazione: sperimentiamo cosa vediamo, cosa ascoltiamo, come ci sentiamo nel momento in cui raggiungiamo il nostro obiettivo, e questo ci consente di mettere in moto tutte le nostre risorse e le strategie che servono per realizzarlo. Inoltre, nel momento in cui lo immaginiamo con forza e intensità, per la nostra mente è un po’ come se lo avessimo già fatto… e quanto è più facile fare qualcosa di già conosciuto, rispetto a qualcosa di totalmente nuovo?

I nostri obiettivi e i nostri valori, nel momento in cui diventano il nostro faro, la nostra guida, ci consentono davvero di raggiungere quel che di buono vogliamo per noi e la visualizzazione aumenta di tantissimo  le possibilità che esso venga realizzato.

Avete un obiettivo, un sogno? Visualizzatevi tutte le mattine a obiettivo raggiunto: cosa vedrete, cosa ascolterete, come vi sentirete… e osservate nel tempo cosa accade, dentro e fuori di voi!

… per potenziare il processo, iscrivetevi al Challenge Nuove Abitudini, in partenza tra pochissimo!

 

lens-1148917_640

coaching, mind training

Emozioni e momenti duri

 

Solo le persone che trasportano da sole la propria acqua conoscono il valore di ogni goccia rovesciata al suolo ” cit.

 

Capitano a tutti momenti in cui le emozioni sono forti e dure, in cui tutto sembra così pesante e si vorrebbe solo fuggire.
Eppure la salvezza è lì, proprio in quella durezza, in quelle lacrime che si versano: il prendersi carico completamente di ogni singola sfumatura emotiva, attraversarla in maniera totale, è la strada per trasformare un problema in una sfida, in qualcosa capace di farci svoltare e renderci incredibilmente più forti.

Niente sconti: qualunque sia il momento sfidante che stiamo attraversando, l’unica via è passarci completamente attraverso, prenderci un tempo per sentire in profondità e da qui iniziare o continuare in maniera più profonda il nostro cammino di consapevolezza.

E quando abbiamo terminato il tempo dell’attraversamento ci accorgeremo che, avendo a fuoco quello che è importante per noi e ciò che ci guida, ci trasformeremo in lottatori, pronti ad andarci a prendere ciò che meritiamo e che vogliamo.
Impariamo, mettiamo a frutto, e intanto rimaniamo focalizzati su ciò che è bene per noi, che ci illumina il cammino, sui nostri valori e i nostri bisogni interiori e la trasformazione avrà modo di poter essere.

 

kumamoto-542410_640

coaching

Crisi di coppia: cosa comunichiamo?

Quando una relazione volge al termine è tempo di bilanci e di analisi.
Per quanta consapevolezza possa esserci, è sempre necessario scandagliare lo scandagliabile, per capire, comprendere, e attuare dei cambiamenti.

La sensazione di aver fatto tutto quello che si poteva fare, di avercela messa tutta, di aver esplorato e rigirato la crisi in tutti i suoi aspetti più remoti.

Poi, un giorno, un’epifania: ci si scopre ad essere arrabbiati, e tanto, e si scopre di aver messo regolarmente da parte questa rabbia, di non averle dato importanza. La necessità e il desiderio di “far andare” la relazione, contemporaneamente alla volontà di tutelare l’altro dalle discussioni, dai malumori, dai disagi, hanno fatto sì che la comunicazione passasse in secondo piano, che le emozioni “scomode” non venissero tenute in conto, pensando che fosse sufficiente gestirsele in solitaria. Peccato che, all’interno di una coppia, la comunicazione sia la base fondante e sia necessario avere sempre “cuore e mente sul piatto”.

E ti rendi conto che, per quanto l’altro non sia stato nei termini relazionali adeguati, sei tu ad avere sbagliato per prima: ti sei messa da parte, non ti sei data importanza, non hai dato voce alla parte di te che era triste e ferita e, così facendo, sei diventata responsabile di quel fallimento.

Perchè una vera relazione d’amore necessita di comunicazione continua, a qualsiasi prezzo; perchè una coppia sta in piedi solo se entrambe le persone che ne fanno parte rispettano profondamente sè stesse e i propri bisogni; perchè l’amore può crescere se è fonte di libertà.

La volontà di proteggere l’altro può diventare un’arma a doppio taglio e, nel momento in cui ci induce ad omettere delle cose, impatta con seria pesantezza sulla costruzione del dialogo e della comunicazione e, quindi, dell’amore stesso.

Non possiamo pensare di proteggere gli altri da noi stessi, soprattutto quando si è in coppia: si possono trovare buoni modi per comunicare, migliorare, trovare strategie funzionali, lasciando perdere quelle che non lo sono, ma bisogna agire e comunicare.

Cuore sul piatto, sempre.

sun-622740_640