coaching, libertà, mind training

i 40 anni e i sogni nei cassetti

Oggi mi stavo muovendo in auto e, come spesso accade in questi frangenti, la mia mente ha iniziato a riflettere su alcune cose. In particolare, mi sono soffermata a notare come gran parte delle persone che conosco intorno ai 40 anni vivano spesso una dicotomia interiore tra la vita che fanno e i sogni che hanno accuratamente riposto nei cassetti: relazioni che non danno più nulla da troppo tempo, lavori portati avanti perchè più sicuri o remunerativi, attività svolte per forza d’inerzia, ruoli predefinite che ormai paiono diventati l’unica faccia possibile.
Contemporaneamente a questa riflessione, ho riflettuto su cosa ci renda “giovani”: ho notato spesso che l’età anagrafica è poco rispondente a quella che è la realtà personale di ognuno di noi e ho visto come a volte sia così diversa da quella percepita. In particolare, ho notato che le persone percepite più giovani di quanto lo siano anagraficamente hanno una cosa che gli altri non hanno: lavorano per realizzare i propri sogni (non a caso queste persone non sono molte).

Ora, potremmo sicuramente dilungarci e fare mille pensieri e ipotesi sulle cause di tutto ciò, ma resta il fatto che la maggior parte delle persone vive in una sorta di anestesia perenne e – di fatto – sopravvive, è interiormente in coma. A volte solo un evento tragico è in grado di dare una scossa a questo torpore globale e le persone prendono finalmente coscienza che la vita è una sola e il nostro tempo non è infinito. Mi sono spesso chiesta, infatti, se fosse proprio necessario arrivare a quel punto, per iniziare a vivere.

In verità non ho ben capito quando esattamente si iniziano a mettere i sogni chiusi nei cassetti: forse prima li si deposita solo un poco, poi sempre un po’ di più, poi inizia a fare male la distanza che si sente tra la vita reale e quei sogni che percepiamo così poco realizzabili e questo è il momento in cui si prende una chiave e la si gira, spesso buttandola via dopo poco.

E qui, signori e signore, vi chiedo: è questa la vita che volete? Volete continuare a vivere indefinitamente in quel grigiore sordo in cui vi siete piazzati, di giorni uguali agli altri, di muta anestesia generale? E’ questo che volete per la vostra unica vita? E’ questo che volete (o vorreste) per i vostri figli?

Spaccateli, quei cassetti, tirate fuori tutti i vostri sogni e iniziate a realizzarli, a lavorarci sopra, prendeteveli, con le unghie e coi denti! Iniziate… a vivere!

 

challenge, coaching, mind training, pnl

Torna il Challenge Nuove Abitudini!!

A gran richiesta torna già quest’anno il Challenge Nuove Abitudini, in una nuova versione integrata con nuovi ed efficaci contenuti.

Di cosa si tratta? 
E’ un percorso di 21 giorni, in cui ci si allena quotidianamente per creare e consolidare una nuova abitudine che ci è benefica, lavorando e mantenendo salda la motivazione e lo sguardo fisso sul nostro obiettivo.

Come funziona?
Ogni mattina, per tutti e 21 i giorni, riceverai una mail con un contenuto (video, audio, scritto o un esercizio da fare) che ti sosterrà e ti aiuterà a rendere efficace il tuo percorso. Avrai, inoltre, il mio costante supporto personalizzato via e-mail.

Perchè 21 giorni?
E’ stato  stimato che il tempo minimo necessario all’instaurazione di una nuova abitudinesia proprio quello di 21 giorni; il Challenge inizierà lunedì 4 settembre e terminerà domenica 24 settembre.

Cosa otterrai dalla partecipazione a questo percorso?
Insieme impareremo a focalizzare e rendere efficace l’obiettivo di prendere una buona abitudine utile alla tua vita; alleneremo insieme la capacità di notare quali processi decisionali e quali strategie sono per te efficaci e quali no, avendo così la possibilità di scegliere cosa ti è utile; approfondirai la capacità di ascoltare te stesso e i tuoi bisogni profondi; aumenterai la consapevolezza nel sentirti attivo ed efficace nelle tue decisioni.

Effetti collaterali
Questo allenamento ha l’effetto collaterale di gestire con maggiore efficacia la tua vita, dandoti la possibilità di vedere scelte migliori da intraprendere e maggiori possibilità, di compiere passi benevoli per te stesso/a e di indirizzarti verso un miglioramento di vita e di grado di soddisfazione interiore maggiore.
Se vuoi continuare a lamentarti di quello che non va nella tua vita e nel mondo questo percorso NON fa per te.

Cosa serve per partecipare?
E’ necessario da parte tua la respons-abilità di portare avanti il percorso per tutti i 21 giorni, la volontà di voler intraprendere un percorso di miglioramento della tua condizione di vita e di benessere e una partecipazione economica di un euro al giorno: investi questa piccola quota come impegno quotidiano per te, per aumentare la tua felicità!

Per iscriverti manda una e-mail entro venerdì 1 settembre 2017 a: silvia.mezzanatto@gmail.com

Allora: pronti per iniziare??

 

cba

pnl

Il Master Practitioner e la magia

Qualche settimana fa ho frequentanto il corso che mi ha portata a diventare Master Practitioner in PNL (ovviamente sempre Ekis, chevvelodicoaffà!).

E’ stata un’esperienza rivoluzionante, al punto quasi da paragonarla al parto (ma molto meno dolorosa!): sono rinata persona nuova, mi sono liberata di tantissime convinzioni limitanti che avevo, anche belle grosse, e mi sono sentita, per la prima volta in vita mia, veramente io. Da quel momento il mood principale ha iniziato ad essere “la cosa mi fa stare fuori dalla zona di comfort? mi sento a disagio? Fico, la faccio e vedo cosa succede!”; quindi davvero un cambio radicale per una persona che ha vissuto spesso nella cautela di relazione e di vita.
Mi sono sentita finalmente libera di essere chi sono, di fare quello che voglio fare e che quando si sbaglia… beh, pazienza, è stato più o meno figo e poi si fa qualcosa di diverso, che mica muore qualcuno, anzi.
Mi sono scoperta a parlare di cose davvero molto interne, a scoprirmi tanto senza averne alcun timore, perchè – fondamentalmente – ho capito che gli altri non possono fare proprio nulla perchè io mi senta male, se non lo permetto, mi sono quindi sentita sicura e protetta anche quando mi stavo scoprendo veramente molto. Ed è straordinariamente bello e costruttivo poter parlare alle persone che entrano in relazione con noi in maniera franca e semplice, senza timori di giudizio. Perchè è tutto nella nostra mente: le paure, il giudizio, gli stati d’animo… e quindi la cosa bella è che possiamo imparare a gestire tutto quanto!

Ho imparato ad utilizzare la “magia” che mia ha liberata e ho avuto da subito la piena consapevolezza di quanta forza porta con sè, di quale potere ha per gli altri, per sostenerli nel loro cammino, per potere offrire loro tutta la bellezza che sto già vivendo io. Mi sono resa ancora più conto dell’efficacia (e della velocità!) di queste tecniche e di quanto bene possano fare!

Sono grata per il meravigliosi compagni di viaggio che ho avuto, che hanno avuto tanta parte nel mio cambiamento, sono grata per i meravigliosi trainer Alessandro Mora e Roberta Liguori, che ci mettono tantissima bravura e compentenza e, soprattutto, tantissimo cuore e questo davvero fa la differenza (come dice Alessandro “non sono le tecniche che cambiano le persone, sono le persone che cambiano le persone), sono grata alla mia famiglia per la collaborazione e sono grata a me stessa per l’opportunità che mi sono data.

E, come dicevo in uno dei primi post dopo il rientro, ora… siete pronti per la magia?? Perchè ce n’è davvero tanta a disposizione 😉

silmaster